lunedì 28 maggio 2012

ARCHIVIO, ISOLA DELLE FEMMINE, ACQUA BENE COMUNE, CEMENTIFICAZIONE ISOLA DELLE FEMMINE, U.T.C., ITALCEMENTI, RADAR, FATTURE ATO PA 1, RIFIUTI, CUTINO,MAFIA,PORTOBELLO,BILANCI,TARSU,TIA,LA CALLIOPE E GLI APPARTAMENTI AGLI AMMINISTRATORI

CALLIOPE il gran business del verde agricolo di Isola delle Femmine che diventa come d'incanto edificabile. Il cantiere di Isola delle Femmine controllato dalla MAFIA ( è dell’agosto del 2009 la notizia del sequestro dei beni all’imprenditore elettricista Pietro Cinà uomo di fiducia dei Lo Piccolo che all’interno del cantiere la Calliope aveva ottenuto l’appalto per l’impianto elettrico). Dopo il “colpo di mano” del Commissario ad Acta che si sostituisce al C.C. iniziano i lavori senza alcuna licenza , durante la gestione del “Sindaco” Portobello viene concessa il 1 giugno del 2005 la licenza edilizia, nel giugno del 2007 viene presentata alla C.E.C. la variante su tutti i 50 appartamenti, poi spariscono i Maiorana padre e figlio. Ne aveva parlato in un “acceso e sempre urlante” dibattito con il “Sindaco” il geometra ex oppositore (vedasi il comizio tenuto in piazza solo qualche mese prima delle elezioni) ed attuale V.P. del Consiglio geom Vincenzo Dionisi che lo accusava di essere stato l’artefice di...... ? L’incontro scontro, tra il “Sindaco” e attuale ex oppositore geom Vincenzo Dionisi, avvenne nella sala parrocchiale per ricordare il sacrificio del maresciallo Monteleone. I cittadini di Isola delle Femmine sono ancora in attesa di una risposta del “Sindaco” tesa a difendere l’onorabilità della Istituzione Comune Isola delle Femmine, circa la notizia che sull’affare Calliope “…… e ben 5 appartamenti ceduti a figli di ex amministratori locali per mettere a tacere ogni cosa e sistemare i documenti alla bisogna…”.( notizia del 17 dicembre 2008) Documentazione articoli vai a ……..

vai al link leggi:

FIRMATO IL PROTOCOLLO d'intesa sul contrasto alla mafia a Isola delle Femmine

*LA CALLIOPE E GLI APPARTAMENTI *Solo gli STOLTI non cambiano idea *T.A.R.

Nessun commento:

Posta un commento